Gruppo Astrofili di Padova           L’Uomo guarda le stelle da sempre; noi lo facciamo insieme dal 1965…
Gruppo Astrofili di Padova 2016 I. Codato   © “…et infinitamente rendo grazie a Dio che si sia compiaciuto di far me solo primo osservatore di cosa ammiranda e tenuta a tutti i secoli occulta.”

Benvenuti nel sito del

Ci occupiamo di studiare e  divulgare l’Astronomia

Siamo delegazione dell’U.A.I. (Unione Astrofili Italiani)

C.f. 80031040282    U.R.P. Reg. 233

Notizia del giorno
News links
Giordano Bruno (1548-1600) in suo ricordo, dopo una visita a Narni A Narni c’è il busto di Giordano Bruno esposto finalmente al pubblico  dal 2010, dopo anni di dibattiti e polemiche e di oblio. La targa sotto il busto riporta a testimonianza delle “meschinità umane” una dedica affinchè non avvenga più che l’ignoranza avversi con il fuoco le idee altrui. Il frate filosofo è ricordato per la sua condanna a morte sul rogo, in Piazza Campo de’ fiori a Roma, emessa dalla Chiesa Cattolica Romana per eresia. La sua colpa:  affermare, come nella frase riportata ,la sua idea sulla infinità dell’Universo e sulla molteplicità dei Mondi . « Io dico Dio tutto Infinito, perché da sé esclude ogni termine ed ogni suo attributo è uno e infinito; e dico Dio totalmente infinito, perché lui è in tutto il mondo, ed in ciascuna sua parte infinitamente e totalmente: al contrario dell'infinità de l'universo, la quale è totalmente in tutto, e non in queste parti (se pur, referendosi all'infinito, possono esse chiamate parti) che noi possiamo comprendere in quello » La statua di Giordano Bruno a Roma
Il busto di G. Bruno a Narni La statua di G. Bruno a campo de' fiori, a Roma
LE NOSTRE ultime ATTIVITA’              (vedi calendario)
FOTO del Giorno
Gaia, prima mappa della Via Lattea (14 settembre 2016) L'Esa ha presentato oggi i primi risultati delle osservazioni del telescopio spaziale lanciato nel 2013 con l’obiettivo di mappare tridimensionalmente oltre un miliardo di stelle dela Via Lattea e permettere così di indagare sulla sua origine. La sua precisione è in grado di  fornire   dati con informazioni duecento volte più dettagliati deile missioni precedenti. L’analisi delle bande spettrali che i suoi strumenti stanno scrutando daranno informazioni astrofisiche sulla luminosità  che permetteranno di studiare in dettaglio la formazione, la dinamica, la chimica e l'evoluzione della nostra galassia. Tra i vari obiettivi c’è anche la ricerca di possibili pianeti extrasolari e osservare asteroidi, galassie e quasars. PA seguire l’impresa dell telescopio Gaia ci sono più entità: sono infatti sei “collector data” in Europa che raggolgono e distribuiscono i pacchetti informativi. Una vera enormità di dati che saranno resi disponibili alla comunità scientifica e a quanti li vorranno analizzare. L’Italia partecipa con  'Altec (joint venture di Thales Alenia Space e Asi) di Torino, collegato con l'ASI Science Data Center, che gestisce l'analisi dei dati.
Giove ripreso il 19 Aprile 2016 con webcam  Pla mx, in lrgb e ir-pass.C 9 ¼ con barlow x2, presso l’Osservatorio G. Colombo G.A.P. (autore R. Cariolato)
La ripresa del transito di Mercurio nel 2003
Saturno
             Saturno show!
Imamgine del pianeta degli anelli fotografata da Roberto Cariolato